“Sperimentare nuove forme, immaginare fuori dagli schemi, curare la rifinizione del prodotto, ricercare l’eccellenza e preservare la memoria artigiana sono elementi fondamentali per noi e ci ispirano ogni giorno – spiegano il manager Luca Cantele e l’architetto Fabiana Scrudato, che vantano un’esperienza ventennale nel mondo del luxury design e collaborazioni con alcuni dei più famosi brand del lusso come Fendi, Trussardi, Bentley e Bugatti – Ci sono voluti anni di lavoro, di sperimentazione prima che fossimo pronti a lanciare sul mercato la nostra prima linea. Volevamo che tutto fosse perfetto”.
Con Femea, si propongono di coniugare design e arte nella “City Collection” che riproduce con dei bassorilievi realizzati in polvere di marmo tre importanti città italiane, Roma, Milano e Venezia. Due i colori disponibili: bianco o nero, sinonimi di classe e raffinatezza. Tutte le borse sono numerate e disponibili nelle taglie small, medium e large, prodotte con pellami di primissima qualità e in polvere di marmo travertino e sono realizzate e dipinte mano da maestri artigiani. Nel dettaglio, le borse riproducono piazza di Spagna, piazza Duomo e il ponte del Rialto, luoghi famosi e ammirati in tutto il mondo per la loro bellezza ed esclusività. Il composto utilizzato per la realizzazione delle borse è lo stesso che compone il marmo, poi lavorato con altre componenti segrete che permettono di alleggerire la scultura del peso tipico del materiale. Anche la verniciatura, effetto chiaroscuro, viene realizzata a mano.